I PALERMITANI RACCONTANO PALERMO

itPalermo

NATURA

Orto botanico di Palermo: quando la natura diventa arte

orto botanico di palermo

L’orto botanico di Palermo è una prova inconfutabile di come la natura, a volte, può rappresentare una vera e propria forma d’arte. L’arte è una delle massime forme di espressione della creatività umana. La natura, per conto suo, forse non è altro che una delle massime espressioni dell’intelletto di Dio. Entrando nell’orto botanico di Palermo, infatti, non potrete restare delusi dalla bellezza che caratterizza il giardino. Tramite numerosissime specie vegetali, vasche ricolme di particolari piante acquatiche e copie di scheletri di dinosauri, il giardino vi farà vivere grandi emozioni.

Le specie vegetali

L’orto botanico di Palermo è sicuramente maggiormente conosciuto grazie alla vastissima gamma di specie vegetali che si trovano al suo interno. Non appena si effettua l’ingresso al giardino, inevitabilmente ci si imbatte in uno dei primi templi che si trovano sparsi in tutta la riserva naturale. Entrando, resterete ammaliati dalla struttura architettonica di tale edificio. Un design alquanto elegante caratterizza il luogo, che è diviso in due piani collegati tra loro da una lussuosa scalinata. In entrambi i livelli del tempio, ai lati sono presenti decine di vetrine dove sono esposte delle rappresentazioni cartacee delle tipologie di piante più importanti. L’occhio, inoltre, non potrà non cadervi su alcune citazioni raffigurate sulle pareti, che esprimono l’importanza che le piante rivestono per la sopravvivenza del cosmo. Tra queste, viene citato ad esempio John Ruskin: Fiori, le creature a cui spetta alleviare la pena delle rovine con la loro gentilezza.

E, in effetti, una volta entrati nel parco, non potrete fare a meno di scorgere tale gentilezza tra i viali del giardino; una gentilezza che è strettamente collegata all’incondizionata bellezza che viene garantita dai fiori solo tramite la loro esistenza. Passeggiando lungo le vie dell’orto botanico di Palermo, potrete scorgere ai lati enormi distese di terreno in cui sono piantate le più belle e rare specie vegetali. Tra le tante soprattutto emergono la Strelitzia reginae, la Coccoloba uvifera, la Phoenix dactylifera, l’albero del Ficus macrophylla e alberi di bambù e di palma.

strelitzia reginae, una delle piante più belle dell'orto botanico di palermo

Fiore tropicale della pianta Strelitzia reginae.

Gli scheletri di dinosauri

Le piante sono sicuramente una delle maggiori attrattive dell’orto botanico di Palermo, tuttavia non sono l’unico elemento che rendono questo giardino un posto fuori dal comune. All’interno di una delle serre, infatti, si trovano due copie di scheletri di dinosauri. Gli esemplari in questione sono un Carnotauros sastrei e un Thecodontosaurus antiquus. Tra i due, è opportuno soffermarsi maggiormente sul Carnotauros. Tale dinosauro infatti è molto raro, poiché rappresenta una copia dell’unico scheletro di dinosauro rinvenuto sotto questa specie. Si crede che la specie del Carnotauros sia esistita circa 70 milioni di anni fa e che occupasse una porzione di territorio che oggi corrisponde all’attuale Argentina, in America del Sud. Tale esemplare è particolarmente famoso nella cultura di massa poiché è stato rappresentato in diversi film, tra cui il cartone animato della Disney “Dinosauri” e il film Jurassic world.

la copia del carnotaurus presente all'orto botanico di palermo

Copia dell’unico scheletro ritrovato del Carnotaurus Sastrei

Le vasche dell’orto botanico di Palermo: l’Aquarium

Nell’orto botanico di Palermo troverete anche numerose vasche dotate di un design architettonico invidiabile, al cui interno crescono diversi tipi di piante acquatiche. Una delle vasche da menzionare per bellezza e grandezza è sicuramente l’Aquarium, situata in una sorta di piazzale con forma circolare che si trova alla fine del viale principale del giardino. La vasca è anch’essa dotata di forma circolare e presenta una suddivisione in 24 comparti. Grazie alla sua grandezza è in grado di ospitare moltissime specie di piante. Tra queste ricordiamo varie tipologie di ninfee (Nymphaea alba e Nuphar lutea) e il fiore di loto Nelumbo nucifera.

L’Aquarium è particolarmente rilevante all’interno del giardino, anche per la posizione che esso occupa. Infatti, accanto all’enorme vasca, potrete scorgere un piccolo laghetto d’acqua in cui cresce il bellissimo papiro Egiziano e altre ciperacee. Inoltre, nell’enorme piazzale circolare in cui è situata la vasca, sono presenti diverse specie di alberi alquanto grandi, tra cui spicca il cosiddetto “albero del drago”. Infine, da menzionare sono le varie specie di bambù situate a pochi metri dalla vasca.

piante di bambù dell'orto botanico di palermo

Le piante di Bambù situate vicino l’Aquarium dell’orto botanico.

Piante rare quanto belle, vasche giganti con vegetazione acquatica all’interno, copie di scheletri di dinosauri risalenti a milioni e milioni di anni fa. Il mondo non è certo un posto perfetto, ma una cosa è sicura: la bellezza che ci offre è incommensurabile. Fin quando si vive, è nostro dovere provare questa bellezza. Quale posto migliore per farlo dell’orto botanico di Palermo?

Orto botanico di Palermo: quando la natura diventa arte ultima modifica: 2019-02-25T14:00:26+01:00 da Mauro Saitta
To Top