CONSIGLI UTILI CULTURA

Salinas by night: l’archeologia di notte

Chiostro Museo Regionale Archeologico di Palermo

È il più antico museo di Sicilia che raccoglie capolavori della cultura fenicia-punica, greca, etrusca, romana, dalla preistoria al medioevo, parlo del Museo Archeologico di Palermo. Sito a Piazza Olivella, il Museo regionale Salinas, dal mese di maggio fino a tutto luglio, il sabato sera apre le sue porte per accogliere i visitatori, proponendo un vasto palinsesto musicale. La rassegna Salinas by night ha permesso di avvicinare un argomento serioso, come quello archeologico, ad un pubblico curioso che vuole trascorrere un paio d’ore fuori dall’ordinario. L’archeologia di notte è Salinas by night. E, come affermava Sebastiano Tusa, «il Museo diventa sempre più luogo non solo di visita ma anche d’incontro».

Il Museo e i suoi tesori nel tempo

Dedicato ad Antonino Salinas, è la più importante e antica istituzione pubblica museale dell’Isola. Formatosi nel 1814 come Museo dell’Università e poi divenuto nel 1860 Museo Nazionale,  raccoglie importantissime collezioni e materiali provenienti da vari siti. Fulcro dell’esposizione la sala che ospita le metope dei Templi di Selinunte, definito il più importante complesso scultoreo dell’arte greca d’Occidente. Donati al Museo dai sovrani Borbone diversi reperti di grande pregio provenienti da Pompei e da Torre del Greco. Scavi e acquisti a cura della Commissione di Antichità e Belle Arti contribuirono ad accrescere le collezioni. Nel 1865, ad esempio, fu acquistata la collezione di antichità etrusche costituita da Pietro Bonci Casuccini con i ritrovamenti avvenuti nel territorio di Chiusi (SI). Tra le più importanti acquisizioni quella della “Pietra di Palermo”, con iscrizioni geroglifiche recanti gli annali delle prime cinque dinastie egizie (3238-2990 a.C.).

Riproduzione Frontone

Frontone del Tempio C di Selinunte all’interno del Museo Salinas– Ph. Eleonora Di Trapani

Dall’arrivo di Antonino Salinas ad oggi

Dopo l’Unità d’Italia, anche i Savoia donarono al Museo diverse opere, tra cui il magnifico ariete in bronzo da Siracusa. Ma fu sotto la direzione di Antonino Salinas (1873-1914) che si determinò la rilevanza e il ruolo centrale del Museo. Egli era fermamente convinto che l’Istituto dovesse illustrare la storia siciliana dalla preistoria all’età contemporanea e l’afflusso di materiali acquistati e provenienti da scavi gli permise ciò. Dal 2009 al 2016 il complesso monumentale appartenente ai padri Filippini, che ospita il museo, è stato sottoposto a un’integrale opera di restauro. Il nuovo allestimento del piano terra ospita la parte più rilevante delle collezioni. Aperta la terza corte, “la nuova agorà del Salinas”, dove sono esposti il frontone del Tempio C di Selinunte e il complesso scultoreo delle gronde leonine del tempio di Himera.

Sala di Selinunte con 7 metope

Sala di Selinunte (metope) – Ph. Eleonora Di Trapani

L’archeologia di notte

Oggi il Museo archeologico regionale Salinas ha avviato numerose attività che permettono un rapporto costante col visitatore, rendendolo un appassionato: laboratori didattici per bambini, letture, performance di danza contemporanea che raccontano i miti (nell’ambito della call “Salinas Culture Hub”). I servizi al pubblico di biglietteria, accoglienza, guida e assistenza didattica, affidati a Culture Concept Store Palermo, hanno permesso un approccio innovativo, che tende a “ringiovanire” migliaia di anni di storia, avvicinandola ai bambini ma anche ad un pubblico refrattario. La rassegna Salinas by night sta contribuendo a questo. La formula è semplice: visitare il museo, accompagnati da un archeologo specializzato, e dopo ascoltare musica dal vivo. Ogni sabato quattro turni di accesso: 20:00, 20:45, 21:30 (in italiano) e 22:15 (in lingua inglese). Scoprire la storia e i segreti di importanti capolavori non è stato mai così affascinante, immersi per quarantacinque minuti nel mondo unico dell’archeologia di notte. Aperto fino alla mezzanotte, i visitatori possono fermarsi per un drink al Cafè Culture o per visitare il Bookshop, tra gadget che inneggiano alla sicilianità.

Salinas by night: l’archeologia di notte ultima modifica: 2019-07-24T15:18:32+02:00 da Eleonora Di Trapani

Commenti

To Top