ITINERARI SCUOLA

«Panormus», la scuola adotta Palermo

20161024134635 Img 3321 01

Camminare per le strade cittadine ed essere improvvisamente attorniati da un gruppetto di ragazzini elettrizzati. Neanche il tempo di chiedersi che vorranno mai, che il più intraprendente vi domanda se volete qualche informazione sul monumento al vostro fianco. A Palermo questo può accadere, anzi da alcuni anni – in determinati periodi dell’anno – è ormai consuetudine. Perché a Palermo gli studenti adottano la città e i suoi monumenti, grazie a Panormus, la scuola adotta la città.

La scuola adotta la città

25 sono gli anni trascorsi dalla prima edizione di un’iniziativa capace di mescolare sapientemente arte, apprendimento, prosocialità e divertimento. Geniale l’intuizione di facilitare e radicare nelle giovanissime generazioni l’amore per Palermo e per la sua storia artistica attraverso l’esperienza diretta. Studenti che per qualche giorno diventano guide entusiaste per cittadini e turisti che, travolti dall’energia dei ciceroni, scoprono o rafforzano la conoscenza di Palermo. Alunni di medie ed elementari si aggirano così per le vie, sotto lo sguardo attento e paziente degli insegnanti, con aria timida o spavalda. Nelle loro mani, fogli stropicciati, su cui a volte sbirciano; nei loro occhi, sguardi reciproci di intesa per gestire tempi e distribuzione dei brani. Magari le informazioni non saranno da storici dell’arte e qualche parola sarà balbettata o saltata, mentre i compagni vicini muoiono dalla voglia di suggerire. Ma sono lì, davanti a voi, desiderosi di aprirvi le porte della città!

La scuola adotta la città, edizione 2019

Locandina ufficiale dell’edizione 2019: protagonista il femminile

Trasformare il territorio in preziosa risorsa di apprendimento, scambio, legame e ri-costruzione di un tessuto sociale inclusivo, solidale e responsabile. Questa l’idea sottesa al progetto “Panormus, la scuola adotta la città”. Si comincia tra i banchi, dove in gruppo si cercano le informazioni, si preparano i testi, si distribuiscono le parti, focalizzandosi in modo nuovo sull’ambiente. Poi si procede nell’investire d’importanza, responsabilità e ruolo bambini e ragazzini, che si scoprono così soggetti attivi.
A colpire è la varietà dei ciceroni. Troviamo, infatti, non soltanto alunni scrupolosi, ma anche quelli che – lo capite ad occhio divertito – non considerano lo studio propriamente prioritario! E non soltanto quelli estroversi, proiettati già in futuri da leader, ma anche i timidi, quelli da precoci pieghe intimistiche. Accade un prodigio, allora, per le vie palermitane: che tipi così diversi fra loro si uniscano a far squadra, a sostenersi, a divertirsi insieme. E questo in nome dell’arte!

Panormus 2019

La XXV edizione di “Panormus, la scuola adotta la città” non perde nessuno dei valori con cui sin dal primo anno ha colorato di giovani studenti le belle vie di Palermo. Ne aggiunge uno, semmai, nell’ottica – ancora una volta – dell’inclusione e della consapevolezza, grazie al tema conduttore “Palermo, comunità delle donne e del vivere insieme”. E così che, a partire da Santa Rosalia – l’amata Santuzza – questa edizione vede i Ciceroni in erba condurci sulle tracce di quelle donne che hanno fatto di Palermo un luogo migliore. Una scelta di certo in linea con i tempi, in cui – a livello di coscienza nazionale – si prova a sradicare la cultura di violenza psicofisica verso le donne. E, oltretutto, un omaggio ad Alessandra Siragusa, la donna che per prima immaginò e concretizzò il legame fra studenti e città, rendendo i ragazzi protagonisti della loro realtà territoriale.

La scuola adotta la città: palazzo delle aquile

Palazzo delle Aquile, protagonista di un’adozione a staffetta per tutto il periodo ph©Patrizia Grotta

La prima gioiosa ondata di invasione culturale degli studenti ha attraversato Palermo già ad aprile, ma c’è ancora tempo per godere di questa esperienza. Maggio, infatti, regalerà ben tre fine settimana in cui imbattersi nel loro entusiasmo e, con l’occasione, guardare la città con occhi più freschi. Il primo a disposizione è quello che va da venerdì 10 maggio a domenica 12 e offrirà un’ampia gamma di itinerari da seguire con le giovani guide.
Ci porteranno tra ville e giardini, per l’Antico Seralcadio, da via Dante a via Cavour, lungo il Cassaro Alto, alla Zisa e molto altro ancora. Tanto che vi consigliamo di consultare il programma direttamente sul sito, per scegliere il luogo in cui lasciarvi incantare dalla genuinità delle guide. A seguire, anche i restanti weekend di maggio saranno occasione per usufruire della loro conoscenza e per farli sentire importanti e competenti. Non perdete questa esperienza!

Patrizia Grotta

Autore: Patrizia Grotta

Psicologa e Psicoterapeuta umanista, nonché personal writer con lo pseudonimo di Ljus av Balarm. Unisce psicologia e scrittura creativa nell’ideazione e facilitazione di laboratori psicocreativi di lettura e scrittura. Si occupa anche di biblioterapia.

«Panormus», la scuola adotta Palermo ultima modifica: 2019-05-10T15:46:32+02:00 da Patrizia Grotta

Commenti

To Top