EVENTI

La fiera del disco: l’itinerante dal jazz al metal

Vinyl

Uno dei miei appuntamenti fissi è la Fiera del disco. Si svolge due volte l’anno, in estate e in inverno, e non la perdo. Considero un tetto massimo di spesa per non andare finanziariamente in bancarotta e do libero sfogo a una delle mie passioni: la musica. La scelta è vastissima, così come la spesa possibile, da uno a centinaia di euro.

La riscoperta del vinile

Se negli anni ’80 e ’90 l’introduzione delle musicassette e dei compact disc causano il declino del disco in vinile, negli ultimi anni questo prodotto viene riscoperto, diventando di nicchia per gli amanti del settore. Oggi la rinascita del vinile si spiega sicuramente per l’unicità del suono e per lo sviluppo del suo commercio che raggiunge tutti i budget. Sono nate così realtà fieristiche e negozi specializzati, a cui si è aggiunta la grande distribuzione facendo riscoprire la passione per il vinile. Passione che diventa cultura per il 33 e per il 45 giri. I giovani, nati nell’epoca digitale dell’MP3 e del CD sono sempre più affascinati dal suono prodotto dal solco a spirale.

I vinili

Vinili – Ph. Eleonora Di Trapani

Dal jazz al metal

Cinquanta espositori scelti hanno accolto nei giorni 1 e 2 giugno, dalle ore 10:00 alle ore 20:00, i visitatori dei Cantieri Culturali alla Zisa. Appassionati, addetti ai lavori, curiosi alla ricerca di un disco, di un’artista o di un semplice brano. Vari generi musicali dal rock al metal, dal melodico allo swing, dai cartoni animati alle colonne sonore e tantissimo altro. Epoche diverse, dagli anni’40 ad oggi, vinili rari e cd introvabili da comprare o da scambiare. La ricerca è spasmodica seguendo le numerosissime catalogazioni o scartabellando da contenitori in cui tutto è alla rinfusa ma che contengono piccoli grandi tesori. Durante l’edizione svoltasi a dicembre 2018 ho fatto miei alcuni vinili (ad esempio Marvin Gaye) e un cd di Nina Simone. Quest’anno ho atteso la Fiera del Disco come un bambino aspetta di entrare in un negozio di caramelle. Ho portato a casa alcuni 33 giri, tra cui quelli di Bruce Springsteen e di Vinicio Capossela.

La Fiera del Disco Palermo

La fiera del disco di Palermo- Ph. Ernyaldisko

La fiera del disco e la Sicilia

In Sicilia quattro le città ospitanti: Palermo, Siracusa (4-5 giugno), Modica (7-8 giugno) e Catania (9 giugno). Due giorni, ad ingresso gratuito, in cui nostalgici o neofiti si ritrovano a contrattare per accaparrarsi i loro desideri in musica. Unico filo conduttore: conservare e promuovere la cultura musicale. Questo è proprio l’obiettivo di Ernyaldisko, azienda fondata nel 2005 che da Genova ha costruito una rete di Fiere su territorio nazionale. Quasi tre mila visitatori a weekend, interessati a vinili 33 giri, 45 giri, cd, gadget (magliette e poster su tutti), molti autografati. Quindi, c’è ancora tempo per tuffarsi nel mondo della musica, dal jazz fino all’hard rock e dal reggae al punk, e in tutte le sfaccettature dei vari generi musicali. La Fiera del disco vi aspetta.

La fiera del disco: l’itinerante dal jazz al metal ultima modifica: 2019-06-03T16:54:21+02:00 da Eleonora Di Trapani

Commenti

To Top